you're reading...
Senza categoria

Sarà il premier più giovane della storia d’Italia

Sarà il premier più giovane della storia d'Italia

Nessuno showdown. Nessuna resa dei conti. La parola “finish” per il governo Letta arriva senza spargimenti di sangue, con un ordine del giorno di 26 righe votato a grande maggioranza dalla direzione del Pd e una relazione di Matteo Renzi che sarà ricordata per i toni controllati e i contenuti ambiziosi. Una gravitas insolita per un ragazzo di nemmeno 40 anni che ha abituato l’Italia ai fuochi d’artificio e che tra pochi giorni, se non ci saranno sorprese, sarà a palazzo Chigi. Il più giovane presidente del consiglio della storia d’Italia.

Il premier ha dovuto prendere atto della decisione del Pd di voltare pagina e oggi, dopo il suo ultimo consiglio dei ministri fissato per le 11 e trenta, consegnerà le proprie dimissioni al capo dello stato.

Cosa farà ora il capo dello stato? Forza Italia e M5S insistono perché Giorgio Napolitano rinvii il premier alle camere per il voto di sfiducia. Un passaggio che, però, il capo dello stato potrebbe ritenere superfluo dopo che il Pd, il principale partito della coalizione, ha deciso a schiacciante maggioranza di dare vita a un nuovo governo con 136 sì, 16 no e due astensioni. Quindi le consultazioni al Quirinale, presumibilmente brevi, potrebbero partire già questa sera.

Il concetto chiave della relazione di Renzi è “governo di legislatura”, un esecutivo che nasce per durare fino al 2018 e portare a termine le grandi riforme anche costituzionali fino ad oggi appena delineate. Dopo una mattinata di trattative tra palazzo Chigi e il Nazareno il testo proposto alla segreteria del Pd (concordato tra renziani e minoranza dem per non irritare il premier) non affonda il colpo su Letta, anzi lo ringrazia «per il notevole lavoro svolto» ma «ritiene necessario e urgente dover aprire una fase nuova con un governo nuovo».

Il minimo indispensabile per convincere il premier a lasciare, come in effetti avviene pochi secondi dopo la conclusione della direzione. Gianni Cuperlo ha proposto che non si mettesse ai voti l’ordine del giorno ma da palazzo Chigi il premier faceva sapere di attendere il voto del parlamentino dem. Alla fine solo l’area di Pippo Civati si schiera contro il nuovo corso, mentre i lettiani di stretta osservanza lasciano il Nazareno prima del voto.

Ma come sarà il governo Renzi? Sulla carta nasce più forte di quello Letta, sia perché guidato direttamente dal leader del partito di maggioranza (votato da due milioni di persone alle primarie) sia perché dovrebbe contare su una base parlamentare più ampia, anche se il peso dei partiti all’interno della compagine di governo sarà distribuito in modo diverso rispetto a quello uscente. Scelta civica si è schierata subito con Renzi mentre il Nuovo centro destra prova a mettere delle condizioni («non dev’essere un governo di centrosinistra»), sarà della partita ma la trattativa non sara’ facile. Sel non sembra insensibile alla tentazione di far parte del governo (anche se a parole smentisce) così come un po’ di transfughi dal M5S al senato. E anche dentro Forza Italia c’è chi, come Sandro Bondi, azzarda aperture verso il nuovo esecutivo.

Conoscendo Renzi si può immaginare che il suo governo proverà a partire a tutta velocità, anche con tre o quattro misure sorprendenti per segnare la discontinuità rispetto al passato, a un governo che non lascerà il segno, nonostante i meriti di Enrico Letta.

E Letta? Naturalmente non lascerà il Pd per creare un’altra formazione politica né correrà per le europee – assicura ai parlamentari che lo hanno sentito – piuttosto indosserà i panni di uomo delle istituzioni. In serata un’agenzia gli attribuisce uno sfogo molto duro contro Renzi “cinico e ossessionato dal potere” ma palazzo Chigi smentisce tutto. Meglio per tutti.

(europaquotidiano.it)

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog Stats

  • 48.553 hits

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 17 follower

Archivi

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: